Biografia

Marcello Giordani – Tenor, Maestro, Music Teacher

Dal suo debutto nel 1986, Marcello Giordani è emerso come uno dei più prominenti e ricercati cantanti d’opera, ed è stato acclamato dalla critica internazionale come “… forse il più grande tenore della sua generazione.” Egli è apparso sulla scena di tutti i principali teatri d’opera del mondo ed ha cantato con i più rinomati direttori d’orchestra. La sua eccezionale versatilità gli ha permesso di coprire un vasto repertorio che va dal bel-canto di Bellini, Donizetti e Rossini, ed il lirismo del repertorio operistico francese, alle opere di Puccini e Verdi e alle grandi composizioni vocali di Berlioz, quali La damnation de Faust, Les Troyens, e più recentemente, alle opere più rappresentative del Verismo italiano, Cavalleria Rusticana e I Pagliacci.

Giordani chiude il calendario delle sue recite per la stagione operistica 2016-2017 con Il Trovatore di Verdi in dicembre 2016 al Teatro Lirico di Cagliari, e inaugura il nuovo anno come Des Grieux in Manon Lescaut di Puccini al Teatro Massimo Bellini di Catania, a cui fa seguito Tosca al Teatro Massimo di Palermo. Il mese di Aprile lo troverà sulla scena di Opera Carolina in Charlotte N.C., nelle vesti del bandito Ramerrez, alias Dick Johnson, un ruolo in cui ha debuttato al Metropolitan nel 2010. Altri futuri impegni operistici sono I Villi di Puccini, in concerto a Madrid, e Tosca in Tour con il Teatro Massimo in Giappone.

Nato ad Augusta in Sicilia nel 1963, Marcello Giordani ha iniziato i suoi studi di canto nel 1983 a Catania, e poi a Milano. Nel 1986, ha vinto il concorso di canto di Spoleto, e lo stesso anno ha debuttato professionalmente in Rigoletto al Festival di Spoleto in Italia. Il suo debutto negli Stati Uniti ha avuto luogo alla Portland Opera durante la stagione 1988-89 nel ruolo di Nadir in Les Pêcheurs de Perles. Ha debuttato al Teatro alla Scala di Milano come Rodolfo in La Bohème nel 1988, e al Metropolitan di New York come Nemorino in L’Elisir d’Amore nel 1993.

Giordani ha inaugurato la stagione estiva 2015 con un evento culturale eccezionale, pianificato, organizzato, e realizzato nella sua città natale di Augusta in Sicilia: la messa in scena di Cavalleria Rusticana, in cui lo stesso Giordani ha partecipato nel ruolo di Turiddo. Lo spettacolo all’aperto ha riscosso un gran successo, ed è stato accolto con entusiasmo da un pubblico numeroso ed anche dalle pubbliche autorità civili che hanno assistito all’evento.

Fra le più recenti interpretazioni durante la stagione 2012-2013 sono il suo debutto come Paolo il Bello in una ripresa di Francesca da Rimini di Zandonai al Metropolitan; Faust nell’opera omonima di Gounot;, Radames in Aida a Vienna; Calaf in Turandot al Teatro dell’Opera di Roma. Altre tappe importanti durante le stagioni operistiche precedenti sono Ernani al Metropolitan, e il suo debutto in La Fanciulla del West di Puccini nell’acclamata messa in scena di Giancarlo del Monaco. La stagione 2010-2011 ha visto il suo debutto in tre ruoli diversi: Vasco da Gama in L’Africaine di Meyeerbeer con OONY; Turiddu in Cavalleria Rusticana e Canio ne I Pagliacci in un dittico delle due opera al Gran Teatre del Liceu di Barcellona. Durante la stagione 2009-10, Giordani ha assunto il ruolo tenorile di Gabriele Adorno accanto al Boccanegra di Placido Domingo in una acclaimed ripresa di Simon Boccanegra nell’allestimento di Giancarlo Del Monaco al Metropolitan.

Nell’autunno del 2006, Giordani ha aperto la nuova stagione del Metropolitan nel ruolo di Pinkerton nel nuovo allestimento di Madama Butterfly del regista cinematografico Anthony Minghella. Il 22 novembre 2008, dopo avere cantato nella matinée de La Damnation di Faust, è apparso sulla scena del Metropolitan nella recita serale di Madama Butterfly, aggiungendo il suo nome a un gruppo limitatissimo di cantanti che si sono esibiti come protagonisti in due ruoli nella stessa giornata.

Della sua interpretazione del ruolo di Maurizio in Adriana Lecouvreur con OONY nel 2002, il NY Times scrisse: “Marcello Giordani ha cantato come un dio.” Sono anche da notare le sue prestazioni come protagonista in Il Pirata di Bellini al Metropolitan nel 2002, e nella prima del Metropolitan dell’opera di Berlioz, Benvenuto Cellini nel 2003; il suo debutto nel 2004 nel ruolo di Enzo in una versione concertistica de La Gioconda con OONY, dove la sua interpretazione dell’aria “Cielo e mar” fu dichiarata “sensazionale” dal New York Times; e la sua interpretazione del ruolo di Arnold in Guillaume Tell, anche questo in concerto con OONY, è stato applaudito clamorosamente.

La discografia di Marcello Giordani comprende “Jérusalem” di Verdi, inciso per la Philips; una registrazione di “Rigoletto” con la Philharmoni Orchestra di Budapest, distribuito in MP3; “Benvenuto Cellini” di Berlioz in una registrazione dal vivo del Metropolitan nel 2003; e tre registrazioni da solista: “Tenor Arias” (Naxos), con arie di Bellini, Bizet, Donizetti, Mascagni, Rossini e Verdi; “Sicilia Bella” (VAI), una collezione di canzoni di autori siciliani; e una nuova registrazione di canzoni napoletane e italiane dal titolo “Ti voglio tanto bene” dedicata ai grandi tenori italiani del passato. Giordani è anche tra i cantanti che prestano la loro voce in una compilazione di canzoni del compositore Steven Mercurio dal titolo “Many Voices”.

In video, Giordani può essere visto nella produzione di Madama Butterfly dell’Arena di Verona, allestita e diretta da Franco Zeffirelli (2004); in La Bohème in un allestimento della Opernhaus di Zurigo (2005); in La Gioconda in un allestimento del Teatro Bellini di Catania (2006); in La Forza del destino registrata dal vivo dal Teatro Comunale di Firenze (2007); e in cinque opere messe in scena e trasmesse dal vivo in HD su rete internazionale dal palcoscenico del Metropolitan: Manon Lescaut (2008), Madama Butterfly (2009), Turandot (2009), Simon Boccanegra (2010), e La Fanciulla del West (2011).

Giordani è apparso inoltre in altre tre produzioni del Metropolitan trasmesse dal vivo come parte della serie “live in HD”: La Dammation de Faust, Ernani, e Francesca da Rimini.

Ultimo aggiornamento: Dicembre 2016